L’ansia è uno stato psichico di un individuo, prevalentemente cosciente, caratterizzato da una sensazione di intensa preoccupazione o paura, relativa a uno stimolo ambientale specifico, associato a una mancata risposta di adattamento da parte dell’organismo in una determinata situazione che si esprime sotto forma di stress per l’individuo stesso.

La sua forma patologica costituisce i disturbi d’ansia.
L’ansia è una complessa combinazione di emozioni che includono paura, apprensione e preoccupazione, ed è spesso accompagnata da sensazioni fisiche come palpitazioni, dolori al petto e/o respiro corto, nausea, tremore interno. Può esistere come disturbo cerebrale primario oppure può essere associata ad altri problemi medici, inclusi altri disturbi psichiatrici. I segni somatici sono dunque un’iperattività del sistema nervoso autonomo e in generale della classica risposta del sistema simpatico di tipo “combatti o fuggi”.

Si distingue dalla paura vera e propria per il fatto di essere generica, vaga o derivata da un conflitto interiore.

Secondo l’interpretazione psicoanalitica classica l’ansia viene definita un “sintomo-segnale”, intorno al quale si struttura il conflitto nevrotico caratterizzato dalla presenza di pulsioni e affetti che vorrebbero essere soddisfatti, ma che sono contrastati dai meccanismi di difesa dell’Io. Le pulsioni sono vissute come proibite e quindi ritenute pericolose. L’ansia è il segnale di pericolo avvertito dall’Io, e i sintomi equivalgono sia al tentativo di rinnegamento del desiderio proibito sia a un suo mascherato progetto di realizzazione. Il soggetto spesso ignora il contenuto delle pulsioni rimosse, ed è quindi indotto a trasferire fuori dal suo Sé psichico, e quindi nel mondo esterno o nel corpo fisico, ciò che invece investe il suo mondo psichico.

Per appuntamento con la Dott.ssa Elisabetta Rosetto chiama il 329 2025835 – info@elisabettarosetto.it
#ElisabettaRosettoPsicologaViterbo #PsicologaViterbo #ansia #paura #emozioni #palpitazioni